Echinacea purpurea Raccolta semi

Echinacea purpurea Raccolta semi

Echinacea purpurea Raccolta semi  fioritura

Echinacea purpurea Raccolta semi

L‘echinacea purpurea è un’erbacea perenne che al 3°-4° anno dalla semina sviluppa un cespo formato da diversi fusti che vegetano nuovamente ogni primavera dando origine alle foglie e ad un’abbondante e duratura fioritura durante l’estate. I fusti erbacei a fine stagione seccano permettendo di raccogliere il seme ormai giunto a maturazione. Verso fine agosto i fiori sono completamente secchi con i petali appassiti. I semi vanno sempre raccolti in giornate soleggiate, nelle ore più calde, quando le infiorescenze sono completamente asciutte: è infatti sconsigliabile raccogliere i semi umidi. Prima di recidere i dischi floreali vanno staccati i petali. Dopo la raccolta, è indispensabile completare l’essiccazione. Questa favorirà il distacco dei semi dal disco conico. Una volta sbriciolate le infiorescenze, occorrerà ripulire i seme da eventuali residui dei fiori staccati. Sarà opportuno setacciare o eliminare le impurità per preparare il seme per la conservazione o la semina. Non sempre i semi della pianta sono fecondi, accade spesso che si formano e nel momento opportuno si staccano dall’infiorescenza ma al loro interno non si è formato il corpo farinaceo con il relativo germoglio, in tal caso sono sterili. È buona regola testare il seme al momento della raccolta, schiacciandolo tra le dita. Se l’involucro cede, significa che all’interno non si è formato il corpo farinaceo e nemmeno il germoglio. Al contrario, se il seme è turgido e duro, sarà probabilmente fecondo. I semi non troppo duri come quelli dell’echinacea si possono anche sbucciare con le unghie per vedere se è presente il contenuto interno.

Per la conservazione è bene usare bustine di carta da riporre in un contenitore ermetico. Il momento ideale per la semina dell’echinacea purpurea è l’inizio della primavera. Di norma la germinabilità di questa specie è discreta, soprattutto se il seme è fresco. Una volta effettuata la semina, sarà necessario attendere 3 settimane circa prima di vedere le nuove piantine nate. Le piante cresceranno, e raggiunta l’altezza di 5-6 cm, sarà necessario ripicchettarle, cioè trapiantarle singolarmente nei vasi. Cresceranno fino all’inizio dell’inverno, momento in cui andranno a riposo. Saranno pronte per essere messe a dimora la primavera successiva, dando una prima e modesta fioritura nell’estate. Il fiore dell’echinacea purpurea è particolarmente resistente. I suoi petali spessi e corposi durano alcune settimane. Tali caratteristiche e la quantità di cultivar esistenti rendono questa pianta particolarmente apprezzata dagli amanti del giardino.

 

Author: Isolalarga

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>